Dieta contro la stitichezza

 

dieta stitichezzaLa stitichezza, o stipsi, è un disordine dell’attività motoria dell’intestino,  molto diffuso specialmente nei soggetti di sesso femminile, che si manifesta con una riduzione del volume delle feci e della frequenza delle evacuazioni, dolore e gonfiore addominale, meteorismo e difficoltà ad evacuare.
 


L’alimentazione gioca un ruolo estremamente importante in quanto l’abbondanza di fibre e di acqua della dieta genera un rigonfiamento del volume fecale, in quanto le fibre assorbono acqua ed attivano le fermentazioni batteriche. Tale aumento del volume delle feci distende i muscoli dell’intestino, che reagiscono contraendosi e favorendo la mobilità gastrointestinale. Esistono le fibre solubili, che troviamo nella maggior parte della frutta e della verdura, e le fibre insolubili, contenute nella crusca, che troviamo nel pane integrale, nella pasta integrale e nei cereali in chicchi come farro ed orzo. Questi due tipi di fibra giocano un ruolo rilevante nella motilità dell’intestino. La fibra solubile riduce la velocità di transito tra stomaco ed intestino, contribuendo a generare un senso di sazietà più duraturo ed aumenta le fermentazioni batteriche, mentre la fibra insolubile si riempie d’acqua negli ultimi tratti dell’intestino crasso, semplificando l’emissione delle feci.
 


Per contrastare la stitichezza o costipazione è pertanto consigliabile ingerire una quantità maggiore di cibo; aumentare la quantità di liquidi, purché non si tratti di bevande zuccherate, gassate ed alcoliche; consumare più cibi ricchi di fibre ed aumentare le secrezioni dell’intestino assumendo alimenti vegetali e latticini. È altresì consigliabile assumere liquidi tiepidi più volte durante la giornata, consumare frutta e dividere i pasti in 5-6 parti nell’arco della giornata.

Nella dieta efficace contro la stitichezza è molto importante includere ceci, fagioli, lenticchie o piselli almeno 2 o 3 volte alla settimana; prugne secche, ricche di sorbitolo, un vero e proprio lassativo naturale; barbabietole bollite per favorire la mobilità intestinale e due cucchiai di semi di lino interi al giorno seguiti da un bicchiere d’acqua tiepida, per favorire il regolare transito intestinale.