Stitichezza e pelle secca

 

pelle-secca-stitichezza

La stitichezza è un disturbo che riguarda la defecazione e consiste nella difficoltà di espellere regolarmente  le feci. E quando si parla di regolarità si parla almeno di 3 volte alla settimana. Questo è importante in quanto l’evacuazione può essere definita normale sia che avvenga tre volte al giorno che tre volte a settimana, il tutto dipende dall’apparato intestinale della persona.

La maggior parte delle volte, la stitichezza viene diagnosticata quando manca uno stimolo spontaneo e regolare alla defecazione o se sono necessari grandi sforzi per evacuare e se le feci sono poi dure, secche, piccole e difficili da espellere.

La stipsi è un sintomo, non una malattia che in primis sorge perchè la nostra alimentazione non è corretta, e dunque per lenire il sintomo (perché è importante sottolineare che la stipsi è sintomo e non malattia), bisogna capirne le cause, come prevenirlo e le eventuali terapie disponibili.

 

 

Perché viene la stitichezza

stitichezza-e-pelle-secca

La stitichezza si verifica se durante il suo funzionamento il colon assorbe troppa acqua, oppure se le contrazioni muscolari del colon avvengono lentamente tanto da indurire e seccare le feci che diventano più difficili da evacuare. Una carenza di fibre nella dieta quotidiana comporta maggiori rischi di soffrire di stipsi. E infatti le cause più frequenti della scarsa evacuazione sono una dieta povera di fibre o una dieta ricca di grassi.

Per chi è soggetto alla stitichezza è anche importante limitare la quantità di alimenti che contengono poche fibre o non ne contengono affatto, come i gelati, i formaggi, la carne e gli alimenti conservati.

Tra gli altri cambiamenti che potrebbero essere utili per curare e prevenire la costipazione, potrebbe essere utile bere acqua e altri liquidi in modo abbondante, come i succhi di frutta e di verdura o il brodo magro, in modo da non disidratarsi; è inoltre consigliabile fare esercizio fisico tutti i giorni e riservarsi il tempo sufficiente per andare in bagno.

È infine fondamentale non ignorare mai l’urgenza di andare in bagno.

 

La pelle secca in chi soffre di stipsi

stitichezza-pelle-secca

Tra le conseguenze della stitichezza potrebbe esserci una secchezza della pelle. Vero è che la nostra cute si secca e si screpola per i più svariati motivi, che vanno dalla stagione in cui ci troviamo, alle sostanze nutritive che riusciamo o non riusciamo ad apportare al nostro organismo attraverso la dieta, ma è vero anche che la stipsi rientra tra le cause più frequenti di pelle secca. È tutto dunque un filo conduttore, in quanto se gli alimenti che mangiamo possono comportare la stipsi o combatterla, automaticamente gli stessi andranno ad influenzare l’elasticità e la morbidezza della nostra pelle.

Quando la pelle è secca e disidratata automaticamente risulta screpolata e ruvida al tatto.  Contribuiscono a questo fastidioso sintomo le diete drastiche e molto squilibrate dal punto di vista della tabella nutrizionale.

 

pelle-secca-stipsi

Se infatti c’è un apporto scarno di grassi, l’epidermide finisce con il diventare terribilmente svuotata, opaca e ruvida. Ovviamente questo è solo una conseguenza del fatto che ridurre l’apporto di determinate sostanze nutritive porta ad una secchezza del colon che produce feci dure da espellere. Il corpo è così costretto ad utilizzare i liquidi presenti e automaticamente la pelle si secca e screpola.

La morbidezza della pelle può dipende tanto da fattori esterni, ma in particolare  da fattori interni quali funzionalità epatica, renale ed intestinale.

Se digeriamo con difficoltà si creano situazioni di congestione sanguigna nella zona ventrale che hanno come conseguenza una diminuzione delle scorte sanguigne circolanti in zona periferica ed in zona esterna.

Ma quello che conta davvero è trovare il giusto equilibrio alimentare, evitando la stitichezza e, nel contempo, le carenze di acqua biologica con relativi micronutrienti.

 

 

Come combattere la pelle secca

omega-3-6-pelle-stitichezza

Per combattere la pelle secca in primis bisogna convertirsi ad una corretta alimentazione con l’assunzione di cibi capaci di favorire la naturale idratazione della nostra pelle. Bisogna poi assumere acidi grassi omega 3 e omega 6 mangiando del pesce, delle mandorle, delle noci e assumere moderate quantità di  olio.

Tali sostanze nutritive rafforzano le membrane cellulari e prevengono la riduzione delle perdite di acqua. Automaticamente diventa importantissimo assumere almeno 2 litri  di acqua al giorno, l’acqua stimola l’intestino alla sua regolarità di defecazione e di conseguenza rende la pelle visibilmente in salute.

L’acqua e le fibre, migliori alleati contro stipsi e secchezza della pelle, è possibile assumerli anche attraverso la giusta quantità di frutta e verdura come mele cetrioli pomodori kiwi etc.

Esistono ovviamente anche i giusti rimedi esterni per combattere la secchezza della pelle come maschere con cetrioli, buccia interna delle banane e anche avocado. Si può approfondire l'argomento anche spulciando online portali dedicati esclusivamente alla cura della pelle e non solo (come ad esempio benesserederma.it), la rete è ormai satura di consigli e suggerimenti per mantenere l'epidermide in buona salute.

Bisogna però tener presente che se il problema sta a monte è difficile combatterlo con una semplice maschera. Si deve arrivare al succo del problema, risolvere la stitichezza per ritrovare la salute intestinale e quella dell’epidermide.